LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI LINGOTTI DI ALLUMINIO

Il gruppo è oggi tra i principali operatori a livello europeo nel recupero e riciclo dei rottami di alluminio. La frequentazione quotidiana dei mercati ha consentito di cogliere l’esigenza manifestata da alcuni grandi gruppi industriali di acquistare lingotti di alluminio a condizioni di prezzo prefissate anche per lunghi periodi, volendo garantirsi costi certi in presenza di forti volatilità nelle quotazioni. Potendo disporre di una radicata rete di approvvigionamento e di consistenti stoccaggi di materiali, necessari anche per assicurare regolare alimentazione ai propri impianti di produzione, il gruppo si è trovato nella condizione di poter
offrire tale servizio. Nel giugno del 2002 viene costituita la IMT ITALIA Spa per la commercializzazione di semilavorati di alluminio.

La società dispone di un proprio sito industriale a Ciserano (Bergamo) con fabbricato di 5.000 mq. e infrastrutture che consentono il razionale stoccaggio, la movimentazione e il packaging dei materiali dei quali viene assicurata, per ogni fornitura, l’identificazione e la rintracciabilità. L’unità è dotata di strumentazioni che consentono l’analisi dei materiali con l’emissione delle certificazioni di conformità ai sensi della normativa UNI. A pochi anni dall’inizio dell’attività, la società è una realtà importante nel settore avendo già consolidato un volume di vendite di 30.000 tonnellate anno, annoverando tra i principali clienti aziende primarie quali Fiat, Bmw, Peugeot, Volkswagen, Siemens, Bosch, Indesit, Candy e loro trasformatori. Nell’anno 2009 il gruppo ha prodotto al suo interno 4.000 tonnellate di lingotti di alluminio, saturando le residue capacità produttive del forno fusorio di Radiatori 2000. Dal 2011 l’investimento nel nuovo forno fusorio programmato in Radiatori 2000 consentirà una produzione aggiuntiva di 20.000 tonnellate di lingotti di alluminio da destinare allo sviluppo del mercato di IMT ITALIA, ed anche a servire le quote di mercato già acquisite con produzione propria.